Vai ai contenuti

Depurazione dell'organismo: Partiamo dall'intestino!

Il sito dell'Erboristeria la Radice
Pubblicato da in Alimentazione ·
Depurazione dell’organismo, partiamo dall’intestino!
ERBORISTERIA LA RADICE·MERCOLEDÌ 12 OTTOBRE 2016
Ogni giorno dedichiamo molte attenzioni alla parte esterna del nostro corpo, curando la nostra igiene in maniera meticolosa e facendo sì che la nostra pelle sia sempre pulita e idratata; allo stesso tempo però, trascuriamo un’altra parte molto importante del nostro organismo, che ogni giorno viene a contatto con sostanze “tossiche”, le quali possono alterarne l’equilibrio ed il funzionamento: Si tratta dell’intestino.
Stiamo parlando di una superficie che, se distesa nella sua interezza, diventerebbe ampia come un campo da tennis, un tessuto a stretto contatto con il sistema nervoso, al punto di essere considerato il nostro “secondo cervello”. Studi scientifici infatti, hanno dimostrato che alterazioni della flora batterica intestinale possono produrre sostanze che possono arrivare ad alterare il nostro umore e la nostra personalità.
La stessa flora batterica funge da barriera contro le infezioni, interagendo direttamente con il sistema immunitario, allo stesso tempo però, fanno sì che sostanze importanti per il nostro organismo (come oligoelementi, vitamine ecc...) vengano assorbite in maniera adeguata.
Purtroppo alcune abitudini scorrette, come l’assunzione sregolata di farmaci, alimenti e additivi chimici con cui veniamo a contatto quotidianamente, possono indebolire la nostra flora batterica protettiva, causando così uno squilibrio nella popolazione di batteri i quali, in questo modo, colonizzano le mucose intestinali, aprendo un varco e causando la proliferazione incontrollata di batteri patogeni, detta Disbiosi.

Vediamo, dunque, quali sono le cause principali della disbiosi:
    • Alimentazione scorretta; costituita principalmente da zuccheri e carboidrati raffinati e proteine animali assunte in maniera eccessiva. Questi portano alla crescita incontrollata nell’intestino di batteri provenienti da un metabolismo fermentativo e putrefattivo, che causano un’immediata produzione di gas maleodoranti e successivamente l’infiammazione delle mucose.
    • Consumare pasti in maniera frettolosa; non permette alla saliva di degradare i cibi e ai denti di frammentarli a dovere, di conseguenza il cibo arriva ancora intero nello stomaco e non viene digerito bene, causando un mal assorbimento di nutrienti.
    • Utilizzo di attivi e farmaci che alterano il ph dello stomaco; riducendo l’acidità dello stomaco si riduce anche l’effetto sterilizzante e digestivo degli acidi in esso contenuti, il cibo mal digerito, una volta arrivato nell’intestino, porta alla proliferazione di microrganismi patogeni.
    • Limitato consumo di cibi crudi, fibre e acqua; una dieta ricca di cibi lavorati e poche verdure può compromettere il giusto apporto di enzimi digestivi, i quali vengono inattivati dalla cottura.
    • Componente psicologica ed emotiva; la stretta correlazione tra intestino e sistema nervoso porta questo organo ad essere molto sensibile agli stati di ansia e preoccupazione. Stress, ansia e ritmi frenetici portano ad alterazioni della flora batterica.

La disbiosi è quindi una condizione che pone le basi per l’insorgenza di altre problematiche di carattere salutistico. Privando la flora batterica della sua funzione regolare, l’intestino, che perde la sua funzione di “filtro” selettivo, non è in grado di far fronte agli attacchi a cui solitamente viene sottoposto; tutto questo è causa di infezioni, sia a livello locale che a livello di altri apparati.

La disbiosi può essere causa di molte malattie, problematiche ed infezioni come:
    • Infezioni gastro-intestinali,
    • Gonfiore, meteorismo, cattiva digestione,
    • Nausea, vomito, flatulenza,
    • Candidosi intestinale,
    • Candidosi vaginale,
    • Candidosi gastrica,
    • Cistite,
    • Bronchite e Sinusite,
    • Sindrome dell’intestino irritabile,
    • Diverticolite,
    • Stipsi.

Cosa dobbiamo fare, quindi, per riportare l’intestino in equilibrio in maniera naturale?
Ripristinare la funzione della flora batterica intestinale in maniera naturale e delicata, senza effetti collaterali è possibile.
Per prima cosa è necessario ripulire l’intestino attraverso l’utilizzo di antimicrobici naturali selettivi che andranno ad eliminare solamente i batteri patogeni, mantenendo quelli benefici, riparando così le mucose danneggiate dall’eccessiva proliferazione. È molto importante apportare additivi che migliorino il processo digestivo, aiutando l’organismo nella produzione di enzimi e sfavorendo così la fermentazione. È infine fondamentale ripristinare la flora batterica, integrandola con gli appositi fermenti; quest’ultimi infatti competono con i batteri patogeni per la colonizzazione delle mucose e sono così in grado di inibirne la crescita, grazie anche alla loro capacità di produrre sostanze che rendono l’intestino un ambiente inospitale per questo tipo di batteri dannosi. Parallelamente è importante andare a sfiammare l’intestino con degli antinfiammatori naturali, una dieta sana, movimento ed un giusto apporto di fibre e, ultimo ma non per questo meno importante, il pensiero positivo.

Occorre fare una pulizia intestinale e purificare l’organismo principalmente dopo l’assunzione di antibiotici e farmaci potenti, ma anche nei cambi di stagione per favorire le difese immunitarie e per detossificarsi nei periodi di intenso stress e tensione.



Nessun commento


Erboristeria la Radice - © 2017
Erboristeria la Radice di Francesca Zanardo, Via Cavour, 70 - 37062 Dossobuono di Villafranca (VR) · P. IVA 04175140237
Copyright 2017 © Erboristeria La Radice. Tutti i diritti riservati.  Privacy Policy    Cookie Policy
Torna ai contenuti